Istanza di rateizzazione e bancarotta semplice. Avv. Francesco Cotrufo

GIURISPRUDENZA

Istanza di rateizzazione e bancarotta semplice. Avv. Francesco Cotrufo

Norma di riferimento: artt. 217 - 224 RD 267/42

Il caso

La Corte d’Appello di Trieste aveva condannato l’imputato per il delitto di bancarotta semplice per avere, quale amministratore unico della società fallita, aggravato il dissesto societario astenendosi dal richiedere la dichiarazione di fallimento.

L’imputato, con il ricorso in cassazione, tra i tanti motivi, ha dedotto la mancanza di prova in ordine alla colpa grave, non potendosi rinvenire tale colpa nella scelta lecita di chiedere la rateizzazione dei debiti ad Equitalia.

La decisione

I Supremi Giudici, con la sentenza n. 57757/2017, respingendo il ricorso dell’amministratore, hanno statuito che la presentazione dell’istanza di rateizzazione del debito erariale in presenza di una conclamata ed irrimediabile situazione di insolvenza ed in assenza di qualsiasi iniziativa – eventuale ricapitalizzazione della società – finalizzata a risollevarne le sorti, costituisce un EVIDENTE ABUSTO DELL’ISTITUTO approntato dall’ordinamento per far fronte alla crisi d’impresa, non è ostativa alla configurabilità del delitto di bancarotta semplice, essendo la condotta dell’imprenditore in tale contesto connotata da colpa grave.

Avv. Francesco Cotrufo, avvocato e commercialista del foro di Bari

 

 

Tutte le news