Cassazione n. 10042-19-Credito previdenziale post cartella Prescrizione 5 anni – Irrinunciabile –Respinto ricorso Concessionario. Avv. Francesco Cotrufo

GIURISPRUDENZA

Avv. Francesco Cotrufo, avvocato e commercialista del foro di Bari

Cass 10042-19-Credito previdenziale post cartella Prescrizione 5 anni – Irrinunciabile –Respinto ricorso Concessionario 

 

I Supremi Giudici, con la sentenza n. 10042-2019, ricordano che il credito previdenziale è assoggettato per legge ad una disciplina specifica,improntata al principio di "ordine pubblico" della irrinunciabilità della prescrizione, valorizzato anche dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 23397 del 17/11/2016, che ha affermato il principio richiamato dal giudice di merito ed alla quale occorre dare continuità (vedi sul punto anche Cass.,Sez. lav., 15 ottobre 2014, n. 21830; Id. 24 marzo 2005, n. 6340; Id. 16 agosto 2001, n. 11140; Id. 5 ottobre 1998, n. 9865; Id. 6 dicembre 1995, n. 12538; Id. 19 gennaio 1968, n. 131);

stante il disposto dell'art. 3, comma 9, della I. n. 335 del 1995, la prescrizione ha nel caso un'efficacia effettivamente estintiva (e non soltanto acquisitiva in favore del soggetto passivo del potere di contrastare la pretesa avanzata dal creditore) posto che il decorso dei termini previstI dalla legge preclude il versamento dei contributi; in assenza di un titolo giudiziale definitivo, che accerti con valore di giudicato l'esistenza del credito contributivo e produca la rideterminazione in dieci anni della durata del termine prescrizionale ex art. 2953 c.c.,continua a trovare applicazione, anche nei confronti del soggetto titolare del potere di riscossione, la speciale disciplina della prescrizione del credito prevista dall'art. 3 della legge n. 335 del 1995 e non ricorrono pertanto i presupposti per l'applicazione della regola generale di cui all'art. 2953 c.c.né giova alla tesi della ricorrente il richiamo agli artt. 324 cod.proc. civ. e 2909 cod.civ., da accostarsi agli effetti derivanti dalla mancata opposizione alle cartelle di pagamento, giacché tali argomenti sono del tutto incompatibili con la ricostruzione sistematica fatta propria dalla citata sentenza SS.UU. n. 23397 del 2016, che afferma il principio, di carattere generale, secondo cui la scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo, o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l'effetto sostanziale della irretrattabilità del credito, ma non anche la cd. "conversione" del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale, ai sensi dell'art. 2953 c.c.;rsi applica con riguardo a tutti gli atti - in ogni modo denominati - di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva di crediti degli enti previdenziali, ovvero di crediti relativi ad entrate dello Stato, tributarie ed extratributarie, nonché di crediti delle Regioni,delle Province, dei Comuni e degli altri Enti locali, nonché delle sanzioni amministrative per la violazione di norme tributarie o amministrative e così via.  Pertanto, ove per i relativi crediti sia previstaiy una prescrizione (sostanziale) più breve di quella ordinaria, la sola scadenza del termine concesso al debitore per proporre l'opposizione/ non consente di fare applicazione dell'art. 2953 c.c., tranne che in presenza di un titolo giudiziale divenuto definitivo.

 

 

Tutte le news