Nei reati tributari ammissibile la confisca per equivalente su tutti i beni del reo. Avv. Francesco Cotrufo

GIURISPRUDENZA

La Suprema Corte di cassazione, con la sentenza n. 12738 del 22 marzo 2019, ha statutito che il  sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente, che ha natura eminentemente sanzionatoria, è collegato al valore del profitto del reato con la conseguente irrilevanza della esistenza o meno di un collegamento tra i beni da sequestrare ed il reato, e anche del fatto che gli stessi siano stati acquistati dal responsabile in epoca antecedente alla commissione del reato, per atti inter vivos o mortis causa, con la conseguente impossibilità di applicare il criterio della ragionevolezza temporale nella individuazione dei beni da sequestrare, trattandosi di principio elaborato con riferimento alla confisca di prevenzione, che ha diversa finalità e altri presupposti. Pertanto, è possibile la confisca di tutti i beni in disponibilità del reo.

Avv. Francesco Cotrufo, avvocato e commercialista del foro di Bari

Tutte le news