Irap e medico ginecologo. Non dovuta per la Corte di Giustizia di 2 della Puglia

GIURISPRUDENZA

 

Irap e medico ginecologo. Non dovuta per la Corte di Giustizia di 2° della Puglia

(causa patrocinata dall'avv. Francesco Cotrufo)

CGT 2° della Puglia,  Presidente (Dott. Cazzolla Ferando Antonio) Relatore (Dott. Magaletti Nicola)

sentenza n. 3185/2023 depositata 13.11.2023

La Corte di Giustizia di secondo grado della Puglia, con sentenza n. 3185/2023, ha rigettato l'appello dell'agenzia delle entrate e, per l'effetto, ha condannato, la stessa, al pagamento delle relative spese processuali.

Secondo il collegio Barese, il primo giudice ha fatto buon governo delle norme che regolano la fattispecie in esame anche alla luce dell’ormai consolidato orientamento della Corte di cassazione citata nella sentenza impugnata. L’appellata ha allegato le fatture dalle quali risulta che le stesse riguardano compensi corrisposti alla società xxxxxxxxxx. per lo svolgimento dell’esame “PAP TEST”, che costituisce, ormai, un esame di routine al quale la paziente viene sottoposta durante la visita ginecologica. Nel caso di specie la circostanza che l’appellata abbia richiesto lo svolgimento dell’esame direttamente ad una società di servizi esterna anziché richiedere alla paziente di rivolgersi ad un soggetto che eseguisse l’esame e le consegnasse il relativo referto non comporta certo la sussistenza del requisito dell’autonoma organizzazione ed anzi l’assenza di strumentalizzazione idonea ad effettuare il suddetto  esame dimostra che la dott.ssa xxxxx svolgeva la propria attività avvalendosi di beni strumentali assai limitati, strettamente necessari allo svolgimento della propria attività.

 

Avv. Francesco Cotrufo, avvocato e commercialista del foro di Bari

Tutte le news